CIRCOLARE MINISTERIALE 6 LUGLIO 2001, N. 117

Prot. n.1708

Oggetto: Decreto legge n.255 del 3 luglio 2001 sulle operazioni di inizio dell'anno scolastico - Prime istruzioni applicative

Il D.L. n. 255 del 3 luglio 2001, allo scopo di garantire un tempestivo inizio dell'anno scolastico, ha introdotto rilevanti innovazioni legislative e organizzative:

Ciò premesso si precisa:

Il D.L. interpreta la Legge 124/99 nel senso che, oltre alla graduatoria di base (la attuale 1ª fascia), la graduatoria permanente venga articolata in due ulteriori scaglioni: un primo corrispondente alla attuale 2ª fascia ed un secondo in cui confluiscono gli insegnanti della 3a e della 4a fascia, graduati secondo il punteggio spettante in base alla tabella di valutazione allegata al Regolamento pubblicato con D.M. n.123/2000, punteggio che resta fermo anche per l'anno scolastico 2001/2002.

La graduatoria così riformulata, le cui stampe saranno disponibili da lunedì 9 luglio p.v. da parte del Sistema Informativo, verrà utilizzata sia per le assunzioni relative agli anni scolastici 2000/2001 e 2001/2002, sia per il conferimento delle supplenze annuali e di quelle sino al termine delle attività didattiche per l' a.s. 2001/2002, con i termini e le modalità specificati, in via transitoria, ai commi 4°, 5° e 6° dell' art. 1 del D.L..

I Dirigenti territoriali potranno subito approntare tutti gli atti necessari al conferimento delle nomine a t.i. in modo che, terminate le operazioni di trasferimento e passaggio, e utilizzato al massimo l'istituto dell'autotutela a mano a mano che i movimenti vengono pubblicati, possa procedersi alle nomine a t.i. per l'anno scolastico 2000/2001, da effettuare, attribuendo la sede di titolarità, ai sensi del D.L. n.16/2001, convertito in L. 117/2001. Nel caso in cui si debba ancora procedere a nomine, sia sulle graduatorie dei concorsi per esami e titoli, sia sulla permanente, si indica come criterio da seguire per la nomina e la scelta della sede quello dell'alternanza tra le due categorie di destinatari, iniziando dalla graduatoria del concorso. La rideterminazione delle graduatorie non invaliderà il contratto di coloro che, assunti a tempo indeterminato in base alla precedente normativa, dovessero trovarsi nella condizione di non essere più destinatari dell'assunzione, come prevede il 7° comma dell' art. 1 del D.L. n.255.

Per le nomine a t.i. per il 2001/2002, il contingente di assunzioni verrà notificato non appena sarà stato fissato dalla annuale delibera del Consiglio dei Ministri che questo Ministero è impegnato ad ottenere in tempi brevi; dette nomine saranno disposte, in sede provvisoria, dopo le utilizzazioni; per queste ultime saranno fornite, a breve, specifiche istruzioni, essendo ancora in via di definizione la contrattazione collettiva decentrata nazionale.

Si richiama, al riguardo, l'attenzione sulle disposizioni del 4° comma dell'art. 1 del D.L. citato che prevede, per i contratti a t.i. stipulati dopo il 31 agosto, il differimento delle assunzioni in servizio al 1° settembre dell'anno successivo, fermi restando gli effetti giuridici dall'inizio dell'anno scolastico di conferimento della nomina.

Per quanto concerne, invece, la stipula dei contratti a tempo determinato, sia di durata annuale che sino al termine delle attività didattiche, il D.L. introduce un principio ed una tempistica innovativi.

Nel 5° e 6° comma dell' art. 1 viene, infatti, stabilito che il Dirigente territoriale esercita sino al 31 agosto 2001 (e, a regime, sino al 31 luglio di ciascun anno) la competenza al conferimento delle supplenze annuali e di quelle fino al termine dell'anno scolastico. Dopo il 31 agosto 2001, per le operazioni non ancora effettuate, la competenza viene trasferita ai Dirigenti scolastici. Essi dovranno pertanto operare prioritariamente sulle graduatorie permanenti, con modalità procedurali che saranno oggetto di apposite e tempestive istruzioni.

Istruzioni più specifiche saranno date anche su varie questioni riguardanti il sostegno all'handicap.

Infine, per consentire a questo Ministero un costante monitoraggio dei processi attivati dal D.L. e, nello stesso tempo, per favorire i conseguenti adempimenti di competenza del Ministero del Tesoro, si raccomanda un puntuale e tempestivo inserimento al SIMPI di tutte le informazioni relative alle operazioni sopraindicate.